• Mondo
  • sabato 7 Dicembre 2019

Elon Musk ha vinto il processo per diffamazione per aver dato del pedofilo a un sub che aveva soccorso i ragazzi in Thailandia

L’imprenditore e inventore statunitense Elon Musk ha vinto il processo sull’accusa di diffamazione per aver dato del pedofilo a Vernon Unsworth, uno dei sub che aveva soccorso i ragazzi intrappolati nella grotta in Thailandia nel luglio 2018.

Unsworth e Musk avevano litigato sulla storia dei mini-sottomarini che Musk aveva progettato per tirare fuori dalla grotta i 12 ragazzi (e il loro allenatore), che erano rimasti bloccati lì durante una gita di gruppo. Unsworth aveva detto in un’intervista che i sottomarini di Musk erano inutilizzabili per la missione di salvataggio, aveva detto che erano solo una trovata pubblicitaria e che Musk poteva infilarsi i suoi mini-sottomarini “in quel posto”. Musk aveva risposto su Twitter dicendo per due volte che Unsowrth era un pedofilo: aveva poi cancellato i tweet e si era scusato, ma Unsworth aveva deciso di fargli causa ugualmente, chiedendo un risarcimento di 170 milioni di dollari.

Il processo è stato fatto a Los Angeles ed è durato 4 giorni: la decisione della giuria è arrivata venerdì sera ed è stata favorevole a Musk. I suoi avvocati avevano sostenuto che l’insulto usato contro Unsworth – “pedo guy” – era un insulto generico, che Musk aveva imparato nei suoi anni di vita in Sudafrica, e avevano aggiunto che il tweet con l’insulto era stato uno scherzo venuto male. Dopo la sentenza, Musk ha detto che la decisione della giuria gli aveva «ridato fiducia nell’umanità».

(AP Photo/Mark J. Terrill)