• Mondo
  • venerdì 6 dicembre 2019

La polizia indiana ha ucciso 4 uomini accusati di aver stuprato e ucciso una donna a Hyderabad

La polizia indiana ha ucciso quattro uomini accusati di aver violentato e poi aver soffocato a morte una donna di 27 anni a Hyderabad, mercoledì scorso. Secondo le indagini, i quattro uomini avevano tagliato le gomme dello scooter della donna, che faceva la veterinaria, le avevano offerto aiuto e poi l’avevano trascinata tra gli arbusti, violentata e soffocata; infine avevano trascinato il corpo in un sottopassaggio e lo avevano bruciato.

Gli uomini erano stati identificati dalla polizia e la vicenda aveva provocato la rabbia di migliaia di persone, scese in strada a protestare e chiedere che venissero linciati pubblicamente. Secondo la polizia, verso le 6 del mattino gli accusati stavano partecipando alla ricostruzione del crimine sul posto in cui era avvenuto, a un certo punto avrebbero tirato fuori delle armi e gli agenti li avrebbero uccisi in uno scontro a fuoco; due degli agenti sono stati feriti. Secondo una precedente versione della polizia, gli indagati erano stati uccisi alle 3:30 del mattino, mentre cercavano di scappare. La famiglia della ragazza uccisa ha accolto la notizia esprimendo gratitudine per la polizia.

Una manifestazione a sostegno dei poliziotti che hanno ucciso 4 uomini accusati di stupro e omicidio a Chattanpally, 50 chilometri da Hyderabad, India, 6 dicembre 2019 (AP Photo/Mahesh Kumar A.)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.