Facebook non collaborerà più con nessun sito di fact-checking nei Paesi Bassi

Facebook non collaborerà più con nessun fact-checker esterno nei Paesi Bassi: il suo unico collaboratore, il giornale olandese NU.nl, ha infatti interrotto il rapporto per un disaccordo sulla politica del social network, che consente ai politici di pubblicare spot elettorali non verificati. Il direttore di Nu.nl Gert-Jaap Hoekman ha annunciato la decisione in un post sul suo blog, spiegando: «che senso ha combattere le notizie false se non puoi controllare quelle date dai politici?»

Il caso era iniziato a maggio quando Facebook era intervenuto nella decisione di NU.nl di segnalare come infondato uno spot della politica olandese Esther de Lange: la sua affermazione che il 10 per cento del territorio agricolo in Romania appartenesse a persone non europee non poteva essere verificata. Facebook disse che i discorsi dei politici non potevano essere sottoposti a fact-checking e a ottobre rese ufficiale l’esclusione degli account politici dal processo di controllo di notizie false a cui sono sottoposti solitamente gli avvisi e i contenuti pubblicitari. Nick Clegg, vicepresidente delle comunicazioni di Facebook, disse che «da questo momento tratteremo i discorsi dei politici come una notizia che, come regola generale, merita di essere letta e ascoltata».

(AP Photo/dapd, Joerg Koch)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.