• Mondo
  • sabato 23 Novembre 2019

L’occupazione del Politecnico di Hong Kong non è ancora finita

L’occupazione del Politecnico di Hong Kong non è ancora finita, ma dentro all’università sono rimaste solo poche decine di persone che si rifiutano di uscire. L’occupazione del Politecnico era cominciata pacificamente l’11 novembre: nel corso del successivo weekend, però, intorno al Politecnico era cominciata una sorta di battaglia tra gli occupanti – manifestanti pro-democrazia – e la polizia intervenuta per lo sgombero. Decine di persone erano state ferite negli scontri, tra i più violenti dall’inizio delle manifestazioni di Hong Kong. Domenica sera, dopo due giorni di battaglia, la polizia aveva circondato il campus del Politecnico, dentro c’erano ancora tra le 500 e le 800 persone. Da allora la maggior parte degli occupanti ha lasciato il Politecnico e si è consegnata alla polizia, mentre un piccolo gruppo di loro si trova ancora nella scuola. La polizia per ora ha detto di non voler entrare per arrestarli: gli agenti hanno creato una sorta di barriera intorno agli edifici del campus e sono in attesa che gli occupanti si arrendano.

(Laurel Chor/Getty Images)