• Mondo
  • giovedì 21 novembre 2019

In Bolivia sono iniziate le procedure necessarie per indire nuove elezioni

L’autoproclamata presidente boliviana Jeanine Áñez ha chiesto al parlamento del paese di avviare le procedure necessarie per indire nuove elezioni, un passo atteso per risolvere la crisi politica in corso. Áñez non ha però detto quando potrebbero essere queste nuove elezioni. Perché siano indette nuove elezioni serve che vengano annullate le precedenti vinte da Morales e che venga formato un nuovo comitato che vigili sul regolare svolgimento. Il ministro della Giustizia Alvaro Coimbra ha detto di aspettarsi che la nuova legge elettorale sia approvata «il più presto possibile», ma nemmeno lui ha fornito una data. Reuters spiega che le due camere del parlamento boliviano inizieranno la discussione oggi ma che eventuali decisioni non arriveranno prima di domani, venerdì 22 novembre.

Intanto è salito a 32 il numero di morti per gli scontri successivi alle contestate elezioni vinte a ottobre da Evo Morales, che a inizio novembre si è dovuto dimettere in seguito alle accuse di brogli elettorali e alle pressioni dell’esercito nei suoi confronti.

(AP Photo/Natacha Pisarenko)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.