• Italia
  • mercoledì 20 novembre 2019

Repubblica dice che un documento del 2014 aveva avvertito Autostrade per l’Italia del “rischio crollo” del ponte Morandi

Repubblica oggi scrive che un documento scoperto dalla Guardia di Finanza lo scorso marzo nella sede di Atlantia, la società che controlla Autostrade per l’Italia, aveva avvertito già nel 2014 del «rischio crollo» del ponte Morandi di Genova, il cui cedimento dell’agosto del 2018 causò la morte di 43 persone. Il documento era stato compilato dall’Ufficio Rischio di Autostrade per l’Italia, e secondo fonti di Repubblica era stato sottoposto al consiglio di amministrazione di Atlantia, nonostante finora i dirigenti di Atlantia e Autostrade per l’Italia abbiano detto che non c’erano documenti che avessero denunciato il pericolo.

Il documento, dice sempre Repubblica, parla di «rischio crollo» tra il 2014 e il 2017, finché nel 2018 la dicitura fu cambiata a «rischio perdita stabilità». Un ex ingegnere del ministero delle Infrastrutture e del provveditorato alle Opere pubbliche della Liguria e del Piemonte ha detto che «la perdita di stabilità non significa che crolli, ma si può risolvere con una lesione che si apre e che comporta la limitazione del traffico; il rischio crollo comporta invece l’immediata chiusura della struttura».

(LaPresse - Tano Pecoraro)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.