• Mondo
  • martedì 19 novembre 2019

Due guardie carcerarie che erano di turno quando Jeffrey Epstein si suicidò sono state accusate di aver falsificato i registri di quella notte

Due guardie carcerarie che erano di turno la notte in cui si suicidò il finanziere statunitense Jeffrey Epstein sono state accusate di aver falsificato i rapporti compilati in seguito. Le due guardie sono accusate di non aver controllato ogni trenta minuti cosa stesse facendo Epstein, come avrebbero dovuto, ma di aver in seguito modificato i rapporti per far sembrare che l’avessero fatto. Epstein era sotto osservazione perché aveva già provato a suicidarsi: si uccise nella notte tra il 9 e il 10 agosto nel carcere di New York dove si trovava dal 6 luglio con l’accusa di sfruttamento sessuale.

— — —

Dove chiedere aiuto
Se sei in una situazione di emergenza, chiama il 118. Se tu o qualcuno che conosci ha pensieri suicidi, puoi chiamare il Telefono Amico al 199 284 284 oppure via internet da qui, tutti i giorni dalle 10 alle 24.
Puoi anche chiamare i Samaritans al numero verde gratuito 800 86 00 22 da telefono fisso o al 06 77208977 da cellulare, tutti i giorni dalle 13 alle 22.
Chi risponde 24 ore su 24 è il numero del Portale Amico, lo 02 99 777, che si può contattare anche via chat qui il lunedì e il giovedì sera.

Il Metropolitan Correctional Facility di Manhattan. (David Dee Delgado/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.