• Italia
  • martedì 19 novembre 2019

Ezio Greggio ha rifiutato la cittadinanza onoraria di Biella dopo che la giunta leghista locale aveva bocciato la proposta di conferirla a Liliana Segre

Il conduttore televisivo e attore Ezio Greggio ha rifiutato la cittadinanza onoraria del comune di Biella dopo che la giunta leghista locale aveva bocciato la proposta di conferirla alla senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta all’Olocausto. «Il mio rispetto nei confronti della senatrice Liliana Segre» ha spiegato Greggio motivando la sua decisione, «mi spinge a fare un passo indietro e a non poter accettare questa onorificenza».

Il sindaco Claudio Corradino aveva respinto una proposta arrivata dalle opposizioni, sostenendo che Segre non avesse «fatto nulla per Biella e per il Biellese». Nelle ultime settimane proposte simili erano state avanzate in diversi comuni italiani, da politici locali che volevano esprimere solidarietà a Segre per le minacce e gli insulti ricevuti, per i quali è stata recentemente messa sotto scorta. Tra gli altri hanno conferito la cittadinanza onoraria a Segre Genova e Bologna, mentre la proposta era stata bocciata a Pescara.

Greggio, che è originario della provincia di Biella, ha spiegato anche che la sua «non è una scelta contro nessuno, ma una scelta a favore di qualcuno, anche per coerenza e rispetto a quelli che sono i miei valori, la storia della mia famiglia e a mio padre che ha trascorso diversi anni nei campi di concentramento».

 

 

(ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.