• Italia
  • giovedì 7 novembre 2019

Da oggi la senatrice a vita Liliana Segre avrà la scorta

Da oggi, giovedì 7 novembre, la senatrice a vita Liliana Segre avrà la scorta, garantita dai carabinieri del Comando provinciale di Milano. La misura è stata decisa dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal prefetto Renato Saccone.

Segre ha 89 anni ed era stata nominata senatrice a vita dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel gennaio del 2018 per «per aver illustrato la patria con altissimi meriti nel campo sociale». Da bambina fu espulsa da scuola per le leggi razziali e nel 1944 fu deportata al campo di concentramento di Auschwitz dove rimase per circa un anno prima di essere liberata. Da decenni si impegna per conservare la memoria dell’Olocausto nelle nuove generazioni e per questo si ritrova da mesi al centro di minacce sempre più numerose – secondo l’Osservatorio antisemitismo riceve una media quotidiana di 200 messaggi d’odio sui social network – e martedì scorso esponenti di Forza Nuova, partito neofascista di estrema destra, avevano esposto uno striscione contro di lei a Milano, vicino al teatro di via Fezzan, in cui la senatrice stava parlando davanti a 500 studenti.

Già nel 2018 l’aumento dei commenti d’odio contro Segre aveva portato all’apertura di un’indagine della squadra antiterrorismo del magistrato Alberto Nobili, per cercare tra le altre cose di risalire agli autori anonimi degli insulti.

Liliana Segre (LaPresse - Matteo Corner)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.