• Mondo
  • venerdì 15 novembre 2019

In Cile si terrà un referendum per rivedere la Costituzione dei tempi della dittatura di Pinochet

A seguito delle proteste antigovernative, il presidente del Senato del Cile Jaime Quintana ha annunciato che nel paese sarà organizzato un referendum per rivedere la Costituzione ereditata dalla dittatura di Augusto Pinochet. Dopo diverse ore di negoziati in Parlamento, la coalizione di governo e i principali partiti di opposizione hanno firmato un “Accordo per la pace e una nuova costituzione”. Il referendum si dovrebbe svolgere nell’aprile del 2020 e dovrebbe prevedere due domande. La prima chiederà ai cittadini se vogliono modificare la Costituzione e l’altra ha a che fare con il metodo da utilizzare per l’eventuale revisione.

Le proteste in Cile erano iniziate il 18 ottobre dopo l’approvazione di una legge che aumentava il prezzo del biglietto della metropolitana della capitale Santiago, già molto caro se confrontato con lo stipendio medio dei lavoratori cileni. All’inizio si era trattato solo di proteste pacifiche, poi alcuni manifestanti avevano iniziato ad assaltare e dare fuoco a negozi e attività commerciali. Gli scontri si erano dunque fatti più intensi, per le strade di alcune città era arrivato l’esercito e in poco più di dieci giorni erano morte almeno 17 persone, centinaia erano state ferite e migliaia erano state arrestate.

Scontri con la polizia a Santiago, Cile, 14 novembre 2019 (AP Photo/Esteban Felix)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.