• Mondo
  • venerdì 15 novembre 2019

Apple non venderà più app collegate alle sigarette elettroniche

Da oggi Apple rimuoverà le 181 app collegate alle sigarette elettroniche disponibili sull’App Store, in seguito ai misteriosi malesseri che negli ultimi mesi questi dispositivi hanno provocato a 2.172 persone negli Stati Uniti; secondo le stime più recenti, almeno 42 persone sono morte. Le app in questione sono giochi e servizi che permettono di accendere e riscaldare le sigarette elettroniche attraverso i dispositivi Apple; chi le ha già scaricate però potrà continuare a usarle. Apple non ha mai consentito la vendita di tabacco e cartucce direttamente dalle sue app.

I Centri per la prevenzione e il controllo delle medicine (CDC), tra gli organismi sanitari più importanti degli Stati Uniti, hanno detto che un particolare tipo di vitamina E, il vitamine E acetato, è molto probabilmente responsabile dei malesseri e delle morti legate all’uso di sigarette elettroniche.

(AP Photo/Craig Mitchelldyer)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.