È stata individuata una sostanza che potrebbe essere la causa delle morti legate alle sigarette elettroniche

I Centri per la prevenzione e il controllo delle medicine (CDC), tra gli organismi sanitari più importanti degli Stati Uniti, hanno comunicato che un particolare tipo di vitamina E è da considerarsi con molte probabilità responsabile delle morti che nelle ultime settimane sono state collegate all’uso di sigarette elettroniche. Secondo i Centri, che hanno analizzato le sostanze presenti nei polmoni di diverse persone ricoverate in queste settimane (e di due morte per questi problemi), un «forte sospettato» sarebbe infatti il vitamina E acetato.

I CDC hanno spiegato che il vitamina E acetato tende ad appiccicarsi alle pareti polmonari, creando poi problemi che per ora non sono ancora del tutto chiari. Sempre secondo le prime informazioni disponibili, il vitamina E acetato si troverebbe solo in alcuni prodotti usati per le sigarette elettroniche, in particolare quelli con THC, cioè il principio attivo comunemente associato all’effetto stupefacente della marijuana. Ma è una questione ancora da chiarire perché tra gli oltre duemila pazienti ricoverati negli Stati Uniti con problemi polmonari conseguenti all’uso di sigarette elettroniche ce ne sono anche alcuni (una minoranza) che dicono di non aver mai assunto tramite le sigarette elettroniche sostanze contenenti THC.

(Dan Kitwood/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.