• Italia
  • giovedì 14 novembre 2019

Ci sono state quattro prescrizioni e un’assoluzione in appello per cinque medici dell’ospedale in cui morì Stefano Cucchi

In una delle due sentenze attese per oggi sul caso di Stefano Cucchi sono state decise quattro prescrizioni e un’assoluzione nei confronti dei cinque medici dell’ospedale Sandro Pertini, in cui Cucchi morì il 22 ottobre 2009, sette giorni dopo il suo arresto. Le prescrizioni e l’assoluzione sono state decise dalla seconda Corte d’Assise di appello di Roma. Nelle prossime ore è invece attesa un’altra sentenza, questa volta nei confronti dei cinque carabinieri. Il Corriere della Sera scrive:

Ad essere assolta la dottoressa Stefania Corbi. Accuse prescritte per il primario del reparto di Medicina protetta dell’ospedale dove fu ricoverato il geometra romano, Aldo Fierro, e altri tre medici Flaminia Bruno, Luigi De Marchis Preite e Silvia Di Carlo. Per la Corbi la formula di assoluzione è «per non aver commesso il fatto».

L’altra sentenza attesa per oggi riguarda i cinque carabinieri accusati a vario titolo di omicidio preterintenzionale, falso e calunnia.

Un altro processo legato al caso Cucchi – in particolare alle accuse di depistaggio nei confronti di otto carabinieri – è di recente stato rinviato per l’astensione del giudice incaricato.

Stefano Cucchi (ANSA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.