• Italia
  • martedì 12 novembre 2019

Il processo sui presunti depistaggi seguiti alla morte di Stefano Cucchi è stato rinviato per l’astensione del giudice incaricato

Il processo sui presunti depistaggi seguiti alla morte di Stefano Cucchi, in cui sono imputati otto carabinieri, è stato rinviato a causa dell’astensione del giudice incaricato, Federico Bonagalvagno. La richiesta di astensione era stata fatta dagli avvocati dei familiari di Cucchi, che avevano saputo che Bonagalvagno aveva organizzato convegni a cui avevano partecipato alti ufficiali dell’Arma dei carabinieri: Bonagalvagno ha poi detto di essere un ex carabiniere attualmente in congedo. Il nuovo giudice che si occuperà del processo è Giulia Cavallone.

I carabinieri imputati nel processo sono accusati a vario titolo di falso, favoreggiamento, omessa denuncia e calunnia, per avere insabbiato il pestaggio ai danni di Cucchi. Cucchi era stato arrestato il 15 ottobre 2009 per droga ed era morto sette giorni dopo all’ospedale Sandro Pertini di Roma.

Stefano Cucchi (ANSA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.