• Mondo
  • martedì 12 novembre 2019

Decine di scuole di Hong Kong sono rimaste chiuse per ragioni di sicurezza

Martedì decine di scuole a Hong Kong sono rimaste chiuse per ragioni di sicurezza, dopo che gli attivisti che da mesi manifestano per chiedere maggiore democrazia avevano annunciato un giorno di proteste e blocchi stradali. Le proteste di martedì sono arrivate dopo quelle molto violente di lunedì, in cui un poliziotto aveva sparato a distanza ravvicinata a un manifestante disarmato, e altri manifestanti avevano dato fuoco a un uomo filoregime cinese: entrambi sono ricoverati in ospedale in gravi condizioni.

Molte scuole hanno detto ai genitori degli studenti di non mandare i figli a scuola, ma la governatrice di Hong Kong, Carrie Lam, ha negato che ci sarebbe stata una sospensione generale di tutte le scuole della città. In una università c’è stato anche uno scontro tra studenti e poliziotti, con gli agenti che hanno usato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti. Sempre a causa delle proteste, molte linee ferroviarie e metropolitane sono state chiuse, così come i negozi e i centri commerciali del distretto finanziario, dove più di mille persone hanno sfilato per protestare contro il governo di Hong Kong.

(AP Photo/Vincent Yu)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.