• Mondo
  • martedì 12 novembre 2019

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha stabilito che i paesi europei dovranno indicare sull’etichetta quando un prodotto arriva dai territori occupati da Israele

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea, istituzione con sede in Lussemburgo, ha stabilito l’obbligo per i paesi dell’Unione Europea di indicare quando un prodotto proviene dai territori occupati da Israele. La Corte ha detto: «I prodotti alimentari provenienti dai territori occupati dallo stato di Israele devono avere l’indicazione del loro territorio di origine», in modo che i consumatori possano fare una «scelta informata» quando acquistano un bene. La decisione della Corte di Giustizia è stata accolta positivamente dalle organizzazioni impegnate nella difesa dei diritti umani che accusano da decenni Israele di violare i diritti dei palestinesi, ma molto probabilmente sarà criticata dal governo israeliano.

L’Unione Europea aveva già preso posizione contro la costruzione di nuovi insediamenti israeliani in Cisgiordania, considerati “illegali” perché contrari a quanto stabilito in diverse occasioni dall’ONU. Israele si era invece già opposto all’indicazione obbligatoria sull’etichetta dei prodotti provenienti dai territori occupati, sostenendo che fosse discriminatoria e non richiesta per esempio ad altri paesi con in corso dispute territoriali.

(Arne Immanuel B'nsch/picture-alliance/dpa/AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.