• Mondo
  • lunedì 11 novembre 2019

Il fondatore dell’organizzazione che ha addestrato i “Caschi bianchi” siriani è stato trovato morto a Istanbul

James Le Mesurier, ex militare britannico e fondatore dell’organizzazione no profit Mayday Rescue, responsabile della creazione e dell’addestramento dei “Caschi bianchi” siriani, è stato trovato morto vicino al suo appartamento a Istanbul, in Turchia. Secondo i media turchi, Le Mesurier sarebbe stato trovato con fratture alla testa e alle gambe. Reuters, che ha citato una fonte di sicurezza rimasta anonima, ha scritto che Le Mesurier potrebbe essere caduto dal balcone di casa sua e che la polizia starebbe trattando la sua morte come un suicidio. Un’altra fonte citata da Reuters, un diplomatico, ha detto però che le circostanze della morte sono ancora molto poco chiare.

I “Caschi bianchi” (“White Helmets”) sono un gruppo di circa 3mila volontari che da anni presta soccorso all’interno delle aree in Siria sotto il controllo dei ribelli, quelle colpite dagli attacchi aerei del regime siriano e dai suoi alleati russi: si crede che durante la guerra siriana il gruppo abbia salvato migliaia di persone ferite o intrappolate nelle macerie a causa dei bombardamenti. I “Caschi bianchi” sono finanziati tra gli altri dal governo britannico e da quello tedesco, e dal mese scorso nuovamente dagli Stati Uniti, che all’inizio del 2018 avevano interrotto i finanziamenti su ordine del presidente Donald Trump.

I “Caschi bianchi” sono da anni bersaglio di campagne di disinformazione portate avanti in particolare dalla Russia: sono stati nominati diverse volte per il Nobel per la Pace e nel 2017 un documentario su di loro ha vinto un Oscar.

James Le Mesurier (AP Photo/File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.