Lula parla ai suoi sostenitori fuori dalla prigione a Curitiba, 8 novembre 2019 (AP Photo/Leo Correa)
  • Mondo
  • sabato 9 novembre 2019

L’ex presidente brasiliano Lula è uscito di prigione

Dopo un anno e mezzo, grazie a una sentenza della Corte Suprema che ha reinterpretato una norma del codice penale

Lula parla ai suoi sostenitori fuori dalla prigione a Curitiba, 8 novembre 2019 (AP Photo/Leo Correa)

L’ex presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva è stato liberato dopo avere trascorso più di 18 mesi in prigione.

Lula, 74 anni, è stato uno dei molti detenuti brasiliani a beneficiare di una importante sentenza pronunciata giovedì dalla Corte Suprema del Brasile, che ha reinterpretato una norma che imponeva ai condannati che avevano perso in appello di andare immediatamente in carcere, in attesa della sentenza definitiva. Lula era stato condannato per corruzione in due processi diversi: uno relativo allo scandalo Petrobras, la ricca e potente compagnia petrolifera statale brasiliana al centro di numerose attività illecite; e l’altro legato a una storia di tangenti in cui era coinvolta la compagnia di costruzione Odebrecht, al centro di indagini e inchieste in diversi paesi latinoamericani.

Lula, che fu presidente del Brasile tra il 2003 e il 2010 ed è considerato ancora oggi il rappresentante più carismatico e importante della sinistra brasiliana, è uscito dalla prigione della città di Curitiba alzando il pugno al cielo, in segno di vittoria, ringraziando i sostenitori presenti: «Non pensavo che oggi sarei stato qui a parlare con gli uomini e le donne che durante 580 giorni hanno urlato buongiorno, buon pomeriggio e buonanotte, anche con la pioggia o con 40 gradi».

Lula si è sempre dichiarato innocente e negli ultimi anni erano emersi diversi dubbi sulla imparzialità dei processi per corruzione in cui era stato imputato. Lo scorso agosto, per esempio, il sito di news The Intercept, fondato dal giornalista investigativo statunitense Gleen Greenwald, aveva pubblicato un’enorme inchiesta che sosteneva che il processo contro Lula fosse stato pilotato per motivi politici, per impedire all’ex presidente di ricandidarsi alle elezioni presidenziali della fine del 2018 poi vinte dal radicale di destra Jair Bolsonaro (quando fu condannato, Lula era in testa nei sondaggi).

La liberazione di Lula dalla prigione potrebbe non essere definitiva, visto l’ex presidente dovrà terminare i gradi di giudizio dei processi in corso a suo carico e affrontare altre accuse di corruzione in nuovi casi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.