(ANSA/ANGELO CARCONI)

Salvini dice che in Italia non esistono i fascisti

Lo ha detto parlando della proposta di Liliana Segre di creare una commissione parlamentare contro il razzismo, e ovviamente è falso

(ANSA/ANGELO CARCONI)

Mercoledì sera, ospite del talk show Fuori dal Coro, il segretario della Lega Matteo Salvini ha dato una lunga intervista al giornalista Mario Giordano. Salvini ha parlato di ILVA, delle elezioni regionali in Umbria e di Matteo Renzi, ma fra le altre cose ha commentato anche la proposta della senatrice a vita Liliana Segre di istituire una commissione parlamentare sul razzismo e l’antisemitismo.

La proposta è stata approvata la settimana scorsa con l’astensione di tutti i partiti di centrodestra, fra cui la Lega. Salvini ha motivato l’astensione spiegando che secondo la proposta di Segre la commissione non si sarebbe occupata solo di razzismo e antisemitismo ma anche di condannare il nazionalismo e «il presunto razzismo». Salvini ha aggiunto che una commissione del genere non ha senso di esistere perché «in Italia non ci sono fascisti» (qui trovate il video della risposta di Salvini).

La risposta di Salvini è ovviamente falsa: in Italia esistono almeno due partiti che si dichiarano esplicitamente fascisti e partecipano alle elezioni nazionali e locali – CasaPound e Forza Nuova – oltre a un partito di estrema destra come Fratelli d’Italia che ha un rapporto e un giudizio piuttosto ambiguo sulla dittatura fascista; molti gruppi organizzati di tifosi di calcio si ispirano esplicitamente al fascismo e usano metodi fascisti – prepotenze, intimidazioni, violenze – tra loro e nei confronti dello Stato e dei cittadini. Da anni è in corso un esteso dibattito sull’opportunità di includere i partiti neofascisti italiani nei contesti elettorali e più in generale nel dibattito politico nazionale, col rischio di legittimarli.

Tornando al tema della commissione, Salvini ha lasciato intendere che sarebbe scorretto individuare un legame fra il fascismo e l’estrema destra di partiti come Fratelli d’Italia e la Lega, che secondo Salvini hanno l’obiettivo di «difendere i milioni di italiani orgogliosi di essere italiani che pretendono rispetto per la nostra storia e per la nostra cultura». In realtà un legame esiste eccome: era stato proprio Salvini a stringere un accordo elettorale fra Lega e CasaPound fra 2014 e 2015, salvo poi prendere le distanze dopo pochi mesi, mentre i contatti fra l’ambiente neofascista e diversi dirigenti della Lega sono noti e continuano ancora oggi. La Lega e i partiti neofascisti condividono anche slogan esplicitamente nazionalisti – «prima gli italiani», che spesso significa più specificamente gli italiani bianchi – una retorica anti-immigrazione e ostile alle minoranze etniche e religiose, e la fascinazione per paesi a guida autoritaria o semi-autoritaria come la Russia e l’Ungheria.

Infine, negli anni scorsi Salvini stesso aveva evitato più volte di definirsi antifascista, cosa che ha fatto infine nei mesi scorsi durante il suo mandato da ministro dell’Interno.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.