Martedì alle 19 il presidente del Consiglio Giuseppe Conte riferirà alla Camera sul presunto conflitto di interessi scoperto dal Financial Times

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte interverrà alla Camera dei Deputati alle 19 di martedì per spiegare la sua versione sul presunto conflitto di interessi raccontato la scorsa settimana in un articolo del Financial Times, che aveva scoperto che una società finanziata da un fondo d’investimento finito al centro di uno scandalo finanziario in Vaticano aveva assunto Conte come consulente poco prima della sua nomina a capo del governo. La vicenda, in realtà, era già stata raccontata in buona parte nel giugno del 2018 da Repubblica.

In breve, la questione è che nel maggio del 2018 Conte aveva dato una consulenza legale al fondo Fiber 4.0 in occasione di uno scontro con un’altra cordata di azionisti per il controllo di Retelit, una società proprietaria di 8 mila chilometri di fibra ottica in tutta Italia. Conte aveva spiegato al fondo che l’unico modo di risolvere la situazione era un intervento del governo tramite il “golden power”, lo strumento che permette all’esecutivo di imporre a società ritenute strategiche, come quelle di telecomunicazioni, di seguire particolari orientamenti o di fare certe scelte piuttosto che altre. Meno di un mese dopo Conte divenne presidente del Consiglio e in uno dei primi Consigli dei ministri venne deciso di esercitare il “golden power” su Retelit, esattamente come lui stesso aveva suggerito nel suo parere per conto di Fiber 4.0.

Conte ha respinto le accuse, spiegando di non aver partecipato alla riunione in cui si era deciso l’uso del “golden power”. La cosa vera scoperta dal Financial Times è che il denaro con cui il finanziere Raffale Mincione aveva conquistato la posizione di guida all’interno di Fiber 4.0, circa 200 milioni di euro, proveniva dalla segreteria di Stato del Vaticano: Conte ha detto di non saperne niente.

(ANSA / FILIPPO ATTILI - PALAZZO CHIGI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.