• Mondo
  • mercoledì 30 ottobre 2019

In Cile non si terranno due importanti conferenze internazionali che erano in programma per novembre e dicembre, a causa delle proteste

Il presidente cileno Sebastián Piñera ha annunciato mercoledì la cancellazione di due importanti conferenze internazionali che avrebbero dovuto tenersi in Cile tra novembre e dicembre: una riunione della Cooperazione Economica Asiatico-Pacifica, organizzazione che promuove la cooperazione economica e il libero scambio tra diversi paesi del mondo, e una conferenza ONU sui cambiamenti climatici (COP 25). La decisione di Piñera è stata presa a causa delle enormi proteste che stanno andando avanti da 12 giorni in Cile, iniziate per l’aumento del prezzo del biglietto della metropolitana a Santiago, la capitale, e poi estese contro le disuguaglianze nel paese.

Perché si protesta in Cile

Sebastián Piñera (AP Photo/Esteban Felix)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.