• Mondo
  • mercoledì 23 ottobre 2019

Secondo il Financial Times la Cina sta pensando di sostituire la governatrice di Hong Kong Carrie Lam

Secondo il Financial Times, che cita fonti informate sulle decisioni del governo cinese, la Cina sta pensando di sostituire la governatrice di Hong Kong Carrie Lam, a causa della sua cattiva gestione delle proteste degli ultimi mesi. Secondo il Financial Times la decisione potrebbe essere presa a marzo, nella convinzione che per allora le proteste si saranno calmate e la sostituzione di Lam non sembrerà un cedimento alla violenza dei manifestanti. Se fosse rimossa, Lam dovrebbe essere sostituita da un governatore ad interim fino alla fine del suo mandato (nel 2022), quando dovrebbero poi esserci nuove elezioni. Il governatore di Hong Kong, che è una regione speciale della Cina, è scelto da un comitato di 1.2o0 persone di cui fa parte solo lo 0,03 per cento degli elettori di Hong Kong e che è considerato molto fedele al governo cinese.

Carrie Lam (AP Photo/Kin Cheung)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.