• Mondo
  • mercoledì 23 ottobre 2019

Il crollo del ponte pedonale di Miami del 2018 fu causato da errori di progettazione e supervisione

Martedì, il National Transportation Safety Board, un’agenzia federale statunitense sulla sicurezza dei trasporti, ha diffuso un rapporto che spiega che le cause principali del crollo del ponte pedonale a Miami, avvenuto nel marzo del 2018, furono errori presenti nel progetto iniziale e la mancata supervisione durante la costruzione. Il rapporto – che sostanzialmente accusa l’impresa costruttrice, gli ingegneri che parteciparono al progetto e l’autorità dei trasporti della Florida — dice che fu sottostimato il carico sul ponte e che fu sovrastimata la sua capacità di reggerlo. Il crollo, che avvenne prima dell’apertura del ponte, fu anticipato da numeroso crepe nella struttura, che secondo il rapporto avrebbero dovuto spingere i costruttori a interrompere i lavori e chiudere la strada che passava sotto il ponte. Il crollo provocò la morte di sei persone.

Il ponte pedonale crollato a Miami (Roberto Koltun/The Miami Herald via AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.