• Mondo
  • martedì 22 ottobre 2019

Le persone morte nelle proteste in Cile ora sono 15

Il numero dei morti nelle proteste che da giorni si stanno svolgendo in Cile è salito a 15, ha detto il governo, mentre le persone arrestate sono 1.400. Le manifestazioni erano cominciate la settimana scorsa per un aumento del prezzo del biglietto della metropolitana nell’ora di punta nella capitale di Santiago, ma sono diventate molto più ampie e ora sembrano riguardare anche le forti diseguaglianze sociali del paese e la distanza della classe politica dai problemi quotidiani dei cileni. Per la prima volta dal 1990, quando fu deposto il regime di Augusto Pinochet, per le strade di Santiago sono stati schierati l’esercito e i carri armati. Ci sono stati vari episodi di incendi dolosi, saccheggi e devastazioni, a cui la polizia ha risposto in diversi casi con violente repressioni e pestaggi, come mostrato da vari video circolati online.

Perché si protesta in Cile

(Marcelo Hernandez/Getty Images)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.