• Mondo
  • venerdì 18 Ottobre 2019

Rick Perry, segretario dell’Energia del governo Trump, ha annunciato le sue dimissioni

Negli Stati Uniti Rick Perry, segretario dell’Energia del governo di Donald Trump ed ex governatore Repubblicano del Texas, ha annunciato le sue dimissioni. La rinuncia di Perry al suo incarico era attesa da diverse settimane, ma si era fatta più concreta con l’emergere dell’enorme scandalo Trump-Ucraina che tra le altre cose aveva spinto i Democratici ad avviare la procedura di impeachment contro il presidente.

In un’intervista pubblicata mercoledì sul Wall Street Journal, Perry ha raccontato che era in contatto con l’avvocato personale di Trump, Rudolph Giuliani, riguardo agli sforzi compiuti da alcuni membri dell’amministrazione statunitense per fare pressioni sul presidente ucraino Volodymyr Zelensky affinché indagasse su Joe Biden, candidato Democratico alle prossime elezioni presidenziali, e su Hunter Biden, suo figlio. Durante la presidenza di Barack Obama (e la vicepresidenza di Joe Biden) Hunter Biden era stato membro del consiglio di amministrazione di una società energetica ucraina. Trump avrebbe minacciato Zelensky di sospendere gli aiuti statunitensi all’Ucraina se il presidente ucraino non avesse ordinato di indagare sui Biden. Si pensa che Perry abbia partecipato alle pressioni americane su Zelensky.

Rick Perry (AP Photo/Mindaugas Kulbis)