• Mondo
  • venerdì 18 ottobre 2019

Trump ha scelto un hotel di sua proprietà come sede degli incontri del prossimo G7

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha deciso che gli eventi del prossimo G7 – la periodica riunione dei leader di sette dei paesi più industrializzati al mondo – si svolgeranno in un resort di sua proprietà che si trova vicino a Miami, il Trump National Doral. Il capo dello staff della Casa Bianca Mick Mulvaney ha detto che Trump era consapevole che per questa scelta avrebbe potuto essere criticato, ma ha comunque scelto il proprio resort perché a sua detta i funzionari dell’amministrazione hanno preso in considerazione numerosi hotel in tutto il paese e sono giunti alla conclusione che il Trump National Doral sia «davvero di gran lunga la migliore struttura per ospitare questo incontro».

A rotazione i paesi membri del G7 – cioè, oltre agli Stati Uniti, la Germania, il Regno Unito, il Giappone, la Francia, il Canada e l’Italia – ospitano le riunioni del gruppo. L’ultimo G7 ad esempio è stato a Biarritz, in Francia, lo scorso agosto; si è svolto nell’Hôtel du Palais, un hotel a cinque stelle della catena Hyatt. Il prossimo G7 è in programma per giugno.

Un edificio del complesso del Trump National Doral, il golf resort di Donald Trump a Doral, vicino a Miami, il 17 ottobre 2019 (Joe Raedle/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.