• Mondo
  • mercoledì 16 ottobre 2019

15 persone sono morte in una sparatoria tra militari e civili armati nello stato messicano di Guerrero

Mercoledì c’è stata una sparatoria tra militari e civili armati nella città di Tepochica, nello stato occidentale messicano di Guerrero: sono morte 15 persone (14 civili e un militare). La strage è stata la seconda in Messico negli ultimi due giorni: martedì un uomo sospettato di far parte di un gruppo di narcotrafficanti aveva ucciso 13 poliziotti nello stato di Michoacán, che confina con quello di Guerrero. Il presidente messicano, Andrés Manuel López Obrador, ha accusato delle violenze la precedente amministrazione, ma secondo Reuters subirà comunque molte pressioni a causa delle ultime stragi.

Guerrero e Michoacán sono due degli stati messicani più violenti, dove il governo fatica a far rispettare la legge e dove le bande rivali di narcotrafficanti combattono tra loro per avere il controllo dei traffici che passano dal paese.

(Manuel Velasquez/Getty Images)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.