Le imbarcazioni alla partenza della Barcolana nel golfo di Trieste (AP/Paolo Giovannini)
  • Italia
  • lunedì 14 ottobre 2019

Le foto della Barcolana, ancora la regata più affollata al mondo

In una giornata senza vento 2.015 barche a vela hanno riempito il golfo di Trieste, come capita ogni seconda domenica di ottobre dal 1969

Le imbarcazioni alla partenza della Barcolana nel golfo di Trieste (AP/Paolo Giovannini)

La cinquantunesima edizione della Barcolana, una delle più importanti regate veliche internazionali e da due anni la più affollata al mondo, si è conclusa domenica a Trieste con la regata principale. In una giornata senza vento che ha costretto gli organizzatori a ridurre il percorso, la regata è stata vinta in quasi due ore dall’imbarcazione Way of Life dello skipper sloveno Gasper Vincec — olimpionico nel finn ad Atene 2004 e Pechino 2008 — alla guida di un equipaggio sloveno, croato e italiano. La bonaccia ha premiato le imbarcazioni più piccole facendo rimanere indietro alcune delle favorite ed escludendone altre che non sono riuscite a superare la linea di partenza nei 60 minuti messi a disposizione. Per la regata di domenica ci sono state comunque 2.015 iscrizioni: l’anno scorso furono 2.689 mentre nel 2017, quando la Barcolana divenne la regata più grande del mondo, furono 2.101.

La Barcolana è organizzata dalla Società velica di Barcola e Grignano, l’associazione che la ideò cinquantuno anni fa come semplice competizione fra circoli triestini. Da allora la regata — il cui nome completo è Regata Coppa d’Autunno Barcolana, poiché si svolge tradizionalmente la seconda domenica di ottobre — si è ingrandita fino ad ospitare alcuni dei migliori equipaggi del mondo, come nel 1992, quando venne vinta dal Moro di Venezia, l’imbarcazione italiana che nello stesso anno vinse la Louis Vuitton Cup e sfidò America³ in Coppa America.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.