Il famoso ristorante Barney Greengrass di New York è stato chiuso temporaneamente dalle autorità sanitarie

Domenica, Barney Greengrass, uno dei ristoranti di New York più famosi al mondo, è stato chiuso dalle autorità sanitarie dopo un controllo avvenuto giovedì perché il cibo non era conservato alla corretta temperatura, per la presenza di oltre 300 escrementi di topo nelle cucine e nelle dispense, di scarafaggi in cucina e di «condizioni favorevoli a parassiti e altri rischi legati alla sicurezza alimentare». La chiusura è temporanea e il ristorante potrà riaprire dopo aver risolto il problema. Non è la prima volta che succede e già a marzo gli ispettori avevano trovato «tracce di topi» e «condizioni favorevoli ad attirare i parassiti»; tracce di topi e scarafaggi erano state trovate anche nel 2016 e nel 2017.

Il proprietario Gary Greengrass si è lamentato del controllo inatteso dicendo che era avvenuto dopo lo Yom Kippur, una delle feste ebraiche più importanti dell’anno e uno dei periodi di maggior lavoro al ristorante. E ha ricordato che in tutte le ispezioni successive a quelle in cui erano stati trovati dei problemi aveva ottenuto il massimo dei voti.

View this post on Instagram

Amsterdam Avenue, New York, NY

A post shared by Drew Walker (@wawalker1978) on

Il ristorante venne fondato nel 1908 da Barney Greengrass al 541 di Amsterdam Avenue, nell’Upper West Side di Manhattan. È un deli (o delicatessen) e ristorante ebraico specializzato in bagel, pesce affumicato e uova di pesce, in un ambiente che ha ancora mantenuto l’arredamento originale. È considerato il posto migliore di tutta New York dove prendersi un bagel con salmone Nova Scotia o un piatto di storione, a fianco di scrittori, registi, giornalisti e intellettuali come il giornalista Carl Bernstein e, prima della morte, lo scrittore Philip Roth; tra i suoi clienti regolari ci sono stati anche Marilyn Monroe, Brad Pitt e il comico Jerry Seinfeld.

(Flickr: Matt)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.