• Italia
  • domenica 13 ottobre 2019

Il Consiglio provinciale di Bolzano ha approvato una legge per smettere di usare il nome “Alto Adige” sui documenti ufficiali

Il Consiglio provinciale della Provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige ha approvato una legge proposta dalla giunta per vietare l’uso dell’espressione “Alto Adige” e del relativo aggettivo “altoatesino” nei documenti ufficiali della provincia, sostuendoli con “Provincia autonoma di Bolzano” in italiano e “Autonome Provinz Bozen – Südtirol” in tedesco. Per i sostenitori della legge infatti l’espressione “Alto Adige” ha legami con il fascismo e non rispecchia l’identità dei residenti nella provincia.

La legge è stata approvata con 24 voti favorevoli dei partiti sudtirolesi Suedtiroler Volkspartei, Suedtiroler Freiheit e Freiheitlichen, un voto contrario di L’Alto Adige nel cuore-Fratelli d’Italia e 5 astensioni di Partito Democratico, Verdi, Lega e Team Koellensperger. Non è chiaro, scrive il Corriere della Sera, quali saranno le conseguenze della legge approvata dal Consiglio provinciale sui documenti della Regione Trentino-Alto Adige e in generale sul modo in cui lo stato italiano si riferisce alla regione e alla provincia. La legge, inoltre, può essere ancora impugnata.

Il presidente della Provincia autonoma di Bolzano Arno Kompatscher ha commentato l’approvazione della legge così: «Credo che il governo italiano non si permetterà di impugnare questa legge, l’impugnazione sarebbe un grave affronto, e comunque non ci sarebbero problemi davanti alla Corte costituzionale». Poi ha aggiunto: «Il mio appello è di venirci incontro, io preferisco il termine “Sudtirolo” ma nella Costituzione si parla di “Regione Trentino Alto Adige/Sudtirol” e di “Provincia autonoma di Bolzano”».

Una veduta della conca di Bolzano dopo un violento temporale, 26 luglio 2019 (ANSA/ ROBERTO TOMASI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.