• Mondo
  • mercoledì 9 ottobre 2019

Johnson&Johnson dovrà pagare 8 miliardi di dollari a un uomo che aveva sviluppato una ginecomastia in seguito all’uso di un farmaco antipsicotico

Johnson&Johnson è stata condannata da una giuria di Philadelphia, negli Stati Uniti, a pagare 8 miliardi di dollari di danni (7,2 miliardi di euro) a un uomo che aveva sviluppato una ginecomastia, ovvero un ingrossamento delle mammelle, in seguito all’uso di Risperdal, un farmaco antipsicotico prodotto dall’azienda farmaceutica statunitense.

L’uomo si chiama Nicholas Murray: ha 26 anni e aveva iniziato a usare il Risperdal da bambino dopo che gli era stato diagnosticato un disturbo che rientrava nello spettro autistico. Aveva già fatto causa a Johnson&Johnson ricevendo inizialmente 680mila dollari di risarcimento. La giuria della Philadelphia Court of Common Pleas ha però ritenuto di imporre a Johnson&Johnson ulteriori danni accusando l’azienda di aver anteposto i propri profitti alla sicurezza dei clienti.

Quella di Philadelphia è la sanzione più pesante finora imposta a Johnson&Johnson nelle oltre 13mila cause avanzate nei confronti dell’azienda per l’uso di Risperdal negli Stati Uniti. Secondo i querelanti, Johnson&Johnson non avrebbe avvertito delle possibili controindicazioni del farmaco, promuovendone l’uso nei bambini nonostante la Food and Drug Administration avesse approvato il Risperdal solo per gli adulti affetti da schizofrenia e disturbi bipolari.

(AP Photo/Mel Evans, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.