• Italia
  • martedì 8 ottobre 2019

La Corte europea per i diritti umani ha bocciato il ricorso del governo italiano sull’ergastolo ostativo

Martedì la Grande Chambre della Corte europea per i diritti umani ha ritenuto inammissibile il ricorso del governo italiano sull’ergastolo ostativo, una pena senza fine prevista nell’ordinamento penitenziario italiano che non può cioè essere né abbreviata né convertita in pene alternative. La Corte si era già espressa contro l’ergastolo ostativo lo scorso giugno, dopo un ricorso del detenuto Marcello Viola, condannato per associazione a delinquere di stampo mafioso, sequestro di persona e omicidio. L’Italia si era però appellata contro la sentenza alla Grande Chambre della Corte, sostenendo la legittimità dell’ergastolo ostativo per alcuni reati molto gravi, tra cui mafia, terrorismo e pedopornografia.

Il ricorso però è stato respinto. La Corte ha stabilito che gli ergastolani non possano essere privati della possibilità di migliorare la propria condizione detentiva – miglioramento che ora è ammesso solo in caso di collaborazione con la giustizia.

L'esterno del carcere di Poggioreale. (ANSA/CESARE ABBATE)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.