• Italia
  • lunedì 7 Ottobre 2019

La Corte di Cassazione ha negato gli arresti domiciliari a Giovanni Brusca, il mafioso responsabile della strage di Capaci

La Corte di Cassazione ha deciso di non concedere gli arresti domiciliari a Giovanni Brusca, il mafioso e collaboratore di giustizia condannato, tra le altre cose, per  l’omicidio del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e dei tre agenti di scorta, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani. Era la nona volta dal 2002 che Brusca chiedeva la conversione della propria condanna. Oggi ha 62 anni e finora ne ha passati 23 in carcere; è detenuto nel carcere di Rebibbia, a Roma. Negli anni gli sono stati concessi numerosi permessi per fare visita alla propria famiglia fuori dalla prigione. La Procura Nazionale Antimafia aveva acconsentito alla sua richiesta di domiciliari, ma l’ultima parola spettava alla Cassazione.

Giovanni Brusca condotto in carcere dopo la sua cattura, il 21 maggio 1996 (ANSA / FRANCO LANNINO)