• Mondo
  • lunedì 23 settembre 2019

È iniziato a Parigi il processo contro cinque donne accusate di aver provato a fare esplodere un’autobomba vicino a Notre Dame

Oggi è iniziato a Parigi il processo contro cinque donne accusate di aver provato a fare esplodere un’autobomba vicino a Notre Dame il 3 settembre 2016, senza riuscirci. Le donne, che hanno tra i 22 e i 42 anni, sono accusate di far parte di un gruppo terrorista jihadista, e una di loro secondo gli investigatori aveva contatti con lo Stato Islamico. Il 3 settembre del 2016 due donne lasciarono una Peugeot 607 in una strada vicino a Notre Dame, davanti a diversi affollati ristoranti, piena di taniche di gasolio, che cosparsero anche sull’auto prima di darle fuoco con una sigaretta. Ma il gasolio è molto meno infiammabile della benzina, e l’auto non prese fuoco nonostante diversi tentativi. Dopo il fallito attentato le donne rimasero nascoste con l’aiuto di altre tre donne, per essere poi arrestate soltanto pochi giorni fa: rischiano fino a 30 anni di carcere. Una sesta donna è sotto processo per non aver denunciato le altre alla polizia.

(AP Photo/Francois Mori)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.