• Mondo
  • lunedì 23 settembre 2019

Almeno 20 persone sono morte in Indonesia durante alcune proteste nella provincia di Papua

Almeno 20 persone sono morte in Indonesia durante alcune violente proteste nella provincia di Papua, causate dalla notizia – non confermata – secondo la quale un insegnante proveniente da un’altra provincia avrebbe chiamato “scimmia” uno studente locale. Tre persone sono state uccise a colpi di arma da fuoco dalla polizia, dice Associated Press, mentre almeno 16 civili sono morti a Wamena dopo essere rimasti intrappolati in case o negozi a cui era stato appiccato il fuoco.

La notizia del presunto insulto razzista è stata smentita dalla polizia, che ha detto di non aver trovato riscontri: il capo della polizia di Wamena Rudolf Alberth Rodja l’ha definita una bufala, chiedendo ai cittadini di non crederci. Ciononostante una folla di diverse centinaia di persone si è radunata nella città per dare fuoco a case, negozi e automobili. Le proteste sono arrivate pochi giorni dopo che le proteste scoppiate ad agosto contro le discriminazioni nelle provincie più orientali dell’Indonesia sembravano essersi placate. La Papua e la Nuova Guinea sono regioni etnicamente diverse rispetto al resto dell’Indonesia, e gli scontri con le autorità centrali sono frequenti.

(AP Photo)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.