• Cultura
  • venerdì 20 settembre 2019

Ci sono delle sorprese su Google per l’anniversario di “Friends”

Il primo episodio andò in onda 25 anni fa, e il motore di ricerca ha preparato un'animazione nascosta per ogni personaggio

Il 22 settembre 1994 andò in onda negli Stati Uniti il primo episodio di Friends, una delle serie tv di maggiore successo nella storia della televisione: per il 25esimo anniversario, Google ha preparato alcuni “easter egg”, cioè piccoli contenuti speciali che si possono trovare facendo particolari ricerche. Per trovare gli easter egg di Friends basta digitare nella barra delle ricerche i nomi completi dei protagonisti della serie: si otterrà un piccolo disegno di qualcosa di notoriamente legato a quel personaggio, che si animerà cliccandoci un’altra volta sopra.

Chandler
Digitando “Chandler Bing” compare una poltrona reclinabile del suo appartamento: cliccandoci, arriveranno una papera e un pollo, quelli portati a casa da Chandler e Joey nella terza stagione.

Phoebe
Digitando “Phoebe Buffay”, compare una chitarra che, se cliccata, fa apparire un gatto puzzolente, accompagnato dalla canzone “Smelly Cat”, che Phoebe canta nella seconda stagione.

Rachel
Cercando “Rachel Green”, compare sulla destra una riproduzione del suo classico taglio di capelli, che se cliccato produce una ricerca apposita su Google Immagini.

Ross
Il nome “Ross Geller” invece fa apparire un divano bianco, quello che nella quinta stagione Ross deve trasportare fino al suo appartamento essendosi rifiutato di pagare la consegna al piano. Cliccandolo, lo schermo ruota e si sente “Pivot!”, cioè quello che urla Ross per dare istruzioni a Rachel e Chandler.

Monica
Cercando “Monica Geller”, invece, compare un secchio, che se cliccato fa apparire una spugna: per via della sua fissazione per le pulizie.

Joey
La ricerca “Joey Tribbiani”, invece, fa comparire una pizza, che se cliccata farà comparire altre pietanze succulente, nessuna delle quali sarà condivisa con voi da Joey.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.