• Mondo
  • giovedì 19 settembre 2019

Almeno 20 persone sono morte in un attentato terroristico fuori da un ospedale nel sud dell’Afghanistan

Almeno 20 persone sono morte in un attentato terroristico fuori da un ospedale a Qalat, nel sud dell’Afghanistan. Altre 95 persone sono state ferite e i soccorritori si aspettano che il numero dei morti possa aumentare. L’attentato, compiuto facendo esplodere un camion, è stato rivendicato dai talebani che hanno detto che il loro obiettivo erano gli uffici dei servizi segreti poco distanti dall’ospedale. Molte delle vittime erano medici e pazienti, secondo le fonti di informazione locali.

È l’ennesimo attentato di queste settimane in Afghanistan, dove per il 28 settembre sono in programma le elezioni presidenziali: da giorni i talebani stanno compiendo attacchi quasi giornalieri. Martedì ce ne sono stati due, uno dei quali in una località dove il presidente Ashraf Ghani avrebbe dovuto tenere un comizio. Dopo che il 6 settembre, a causa di uno di questi attentati, era morto anche un militare statunitense, il presidente americano Donald Trump aveva interrotto le lunghe e complesse trattative di pace tra gli Stati Uniti e i talebani, che avrebbero dovuto portare al ritiro parziale dei soldati americani dal paese e teoricamente alla fine delle violenze in Afghanistan.

Veicoli danneggiati dall'attentato terroristico condotto dai talebani fuori da un ospedale a Qalat, in Afghanistan, il 19 settembre 2019 (AP Photo/Ahmad Wali Sarhadi)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.