• Mondo
  • mercoledì 18 settembre 2019

Il vicepresidente del Parlamento del Venezuela è stato liberato dopo quattro mesi di carcere

Martedì il vicepresidente del Parlamento del Venezuela Edgar Zambrano, stretto alleato del leader dell’opposizione e autoproclamato presidente ad interim Juan Guaidó, è stato liberato dopo quattro mesi di carcere. Zambrano era stato arrestato a maggio con l’accusa di tradimento e cospirazione per aver appoggiato il tentato colpo di stato di Guaidó. La sua scarcerazione è arrivata dopo che il governo del presidente del Venezuela Nicolás Maduro ha stretto un accordo con alcuni piccoli partiti dell’opposizione per ridurre le divisioni politiche nel paese. Il procuratore generale Tarek William Saab ha inoltre promesso che rivedrà tutti i casi di attivisti politici che al momento sono in carcere.

Edgar Zambrano dopo essere stato scarcerato davanti a casa sua a Caracas, il 17 settembre 2019 (AP Photo/Andrea Hernandez Briceño)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.