Bambini nuotano in una piscina a Palangkaraya, nella provincia Kalimantan Centrale, Indonesia, 15 settembre (Ulet Ifansasti/Getty Images)
  • Mondo
  • martedì 17 settembre 2019

Le foto delle isole dell’Indonesia avvolte dal fumo

Ci sono stati quasi mille incendi dall'inizio di settembre, quasi tutti illegali per fare spazio all'agricoltura e all'allevamento

Bambini nuotano in una piscina a Palangkaraya, nella provincia Kalimantan Centrale, Indonesia, 15 settembre (Ulet Ifansasti/Getty Images)

Da inizio settembre sulle isole di Sumatra e del Borneo, in Indonesia, ci sono stati quasi mille incendi: la maggior parte sono illegali, iniziati per ricavare terre per l’allevamento e l’agricoltura, soprattutto delle palme da olio. Il fuoco e il fumo hanno causato la cancellazione di voli, la chiusura di scuole, disagi al traffico e il peggioramento della qualità dell’aria. Fumi tossici sono arrivati fino alle vicine Singapore e Kuala Lumpur, la capitale della Malesia, tanto che il governo malese ha criticato l’Indonesia per non aver impedito gli incendi e ha chiesto che prenda provvedimenti. L’Indonesia ha intanto arrestato 200 persone in relazione agli incendi e ha dichiarato lo stato d’emergenza in sei province. Secondo il servizio meteorologico indonesiano la siccità che ha favorito gli incendi proseguirà anche a ottobre e la situazione potrebbe quindi peggiorare.

Da dove arrivano le emissioni inquinanti

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.