Bambini nuotano in una piscina a Palangkaraya, nella provincia Kalimantan Centrale, Indonesia, 15 settembre (Ulet Ifansasti/Getty Images)
  • Mondo
  • Questo articolo ha più di quattro anni

Le foto delle isole dell’Indonesia avvolte dal fumo

Ci sono stati quasi mille incendi dall'inizio di settembre, quasi tutti illegali per fare spazio all'agricoltura e all'allevamento

Bambini nuotano in una piscina a Palangkaraya, nella provincia Kalimantan Centrale, Indonesia, 15 settembre (Ulet Ifansasti/Getty Images)

Da inizio settembre sulle isole di Sumatra e del Borneo, in Indonesia, ci sono stati quasi mille incendi: la maggior parte sono illegali, iniziati per ricavare terre per l’allevamento e l’agricoltura, soprattutto delle palme da olio. Il fuoco e il fumo hanno causato la cancellazione di voli, la chiusura di scuole, disagi al traffico e il peggioramento della qualità dell’aria. Fumi tossici sono arrivati fino alle vicine Singapore e Kuala Lumpur, la capitale della Malesia, tanto che il governo malese ha criticato l’Indonesia per non aver impedito gli incendi e ha chiesto che prenda provvedimenti. L’Indonesia ha intanto arrestato 200 persone in relazione agli incendi e ha dichiarato lo stato d’emergenza in sei province. Secondo il servizio meteorologico indonesiano la siccità che ha favorito gli incendi proseguirà anche a ottobre e la situazione potrebbe quindi peggiorare.

Da dove arrivano le emissioni inquinanti