• Sport
  • martedì 17 settembre 2019

La Lega Serie A non punirà il Cagliari per i cori razzisti a Romelu Lukaku

La Lega Serie A non prenderà provvedimenti nei confronti del Cagliari Calcio per i cori razzisti rivolti dal suo pubblico al centravanti dell’Inter Romelu Lukaku nella seconda giornata di campionato. Nel comunicato ufficiale pubblicato martedì sul sito della Lega, il Giudice sportivo Gerardo Mastrandrea ha scritto che i versi da scimmia rivolti a Lukaku, ripresi allo stadio e segnalati anche dalla Questura di Cagliari, «non sono stati intesi dal personale di servizio, né in vero dai collaboratori della Procura federale, come discriminatori». Il comunicato continua così: «Non possono essere integrati i presupposti, in termini di dimensione e reale percezione, prescritti dall’art. 28 comma 4 CGS per la punibilità a titolo di responsabilità oggettiva delle condotte in questione. Il Giudice Sportivo delibera di non applicare sanzioni a carico della società del Cagliari». Finora nemmeno il club sardo ha comunicato dei provvedimenti nei confronti dei tifosi responsabili.

Nello stesso comunicato del giudice sportivo non vengono inoltre citati i cori razzisti rivolti al centrocampista del Milan Franck Kessié domenica sera dai tifosi dell’Hellas Verona allo stadio Bentegodi.

Romelu Lukaku guarda il pubblico della Sardegna Arena dopo il rigore segnato (LaPresse/Tocco Alessandro)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.