• Mondo
  • mercoledì 4 settembre 2019

Sono state ritirate le accuse di corruzione contro Andrej Babiš, primo ministro della Repubblica Ceca

Sono state ritirate le accuse di corruzione contro Andrej Babiš, primo ministro della Repubblica Ceca. Babiš era stato accusato di corruzione per una questione che riguardava l’uso di fondi europei e coinvolgeva un grande conglomerato industriale di sua proprietà. Non sono state date particolari spiegazioni sul perché siano state ritirate le accuse nei confronti di Babiš: il procuratore che da quattro anni si occupava del caso ha solo fatto sapere di «aver cambiato opinione dal punto di vista legale». Babiš, che il 2 settembre ha compiuto 65 anni, ha detto che è stato «un bel regalo».

Babiš, a volte paragonato a Silvio Berlusconi e Donald Trump, fu eletto in Parlamento nel 2013, con una campagna anti-establishment e anticorruzione, e diventò primo ministro nel 2017 dopo una grande vittoria elettorale del suo partito Azione dei Cittadini Insoddisfatti, liberale e di centrodestra. È anche uno degli uomini più ricchi del paese, proprietario di Agrofert, una holding attiva nel settore alimentare, chimico, dell’agricoltura e dei media. Se fosse stato ritenuto colpevole e condannato, Babiš – nei confronti del quale sono state organizzate di recente grandi proteste – avrebbe rischiato fino a 10 anni di carcere.

Il primo ministro delle Repubblica Ceca, Andrej Babis. (Sean Gallup/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.