Nikola Kalinic con la maglia dell'Atletico Madrid (Getty Images)
  • Sport
  • lunedì 2 settembre 2019

Nikola Kalinic è della Roma

Il centravanti croato è stato preso in prestito dall'Atletico Madrid e sostituirà Patrik Schick, ceduto al Lipsia dopo due anni deludenti

Nikola Kalinic con la maglia dell'Atletico Madrid (Getty Images)

La Roma ha preso in prestito per 2 milioni di euro dall’Atletico Madrid il centravanti croato Nikola Kalinic, che potrà essere riscattato tra un anno con il pagamento concordato di 9 milioni di euro. Kalinic ritorna quindi in Serie A a due anni di distanza dalla sua ultima stagione in Italia, passata con il Milan. Nella Roma sarà il primo sostituto di Edin Dzeko e rimpiazzerà l’attaccante ceco Patrik Schick, ceduto al Lipsia dopo due stagioni deludenti.

Kalinic venne portato in Italia dalla Fiorentina nel 2015 dopo aver disputato la finale di Europa League con gli ucraini del Dnipro. Nei due anni passati a Firenze segnò 27 gol in una settantina di partite e fu tra il giro dei convocati della nazionale croata, con la quale disputò gli Europei del 2016, dove segnò alla Spagna nei gironi. L’anno successivo fu uno dei giocatori acquistati dal Milan nella grande campagna acquisti del club della stagione 17/18, che poi però si rivelò tutto sommato deludente. Al Milan ritrovò il suo allenatore alla Fiorentina, Vincenzo Montella, ma la sua esperienza a Milano fu negativa e risentì delle tante difficoltà avute dalla squadra. All’Atletico Madrid è stato il sostituto in attacco di Diego Costa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.