• Mondo
  • sabato 31 agosto 2019

C’è un posto che si trova negli Stati Uniti per errore

Il Northwest Angle confina via terra esclusivamente col Canada: fa parte degli Stati Uniti solo a causa di una vecchia mappa sbagliata

Osservando una mappa degli Stati Uniti si può notare come, andando da ovest a est, il confine con il Canada corra lungo il 49° parallelo fino al Minnesota. Qui incontra il Lago dei Boschi, fa una deviazione verso nord formando un angolo retto e poi riprende il suo percorso fino alla costa est in maniera discontinua. Osservando ancora più nel dettaglio si nota come in quella piccola deviazione verso nord il confine inglobi una porzione di territorio al di sopra del Lago dei Boschi che è collegata via terra solamente al Canada, e separata dal resto degli Stati Uniti dalle acque del lago.

È il Northwest Angle (“l’angolo a Nord-ovest”), che è il territorio più a nord degli Stati Uniti continentali e che è sostanzialmente un’exclave statunitense in Canada per un errore. Il motivo è dovuto alla fine della Rivoluzione americana e al riconoscimento da parte del Regno di Gran Bretagna dell’indipendenza delle tredici colonie diventate gli Stati Uniti d’America. Con il trattato di Parigi del 1783 si delinearono i confini tra il nuovo stato e il Nord America britannico (quello che sarebbe in futuro diventato il Canada): il trattato fissò i limiti dei territori statunitensi dal “punto più a Nord-ovest” del Lago dei Boschi andando verso Ovest fino alla sorgente del fiume Mississippi.

C’era però un problema: i confini erano stati tracciati sulla base di una mappa realizzata anni prima dal geografo John Mitchell che disegnava in maniera errata la forma del Lago dei Boschi e posizionava l’inizio del fiume Mississippi a ovest di esso, quando invece la sua sorgente è più a sud, nel Lago Itasca. Inoltre la forma molto frastagliata del Lago dei Boschi – e non ovale come indicato da Mitchell – fece sì che il punto più a nord-ovest dei confini degli Stati Uniti risultasse a nord di un territorio al di sopra del lago e separato dal resto del paese. Negli anni successivi l’errore sulla sorgente del fiume Mississippi venne corretto e il confine venne spostato dal punto più a nord-ovest del Lago dei Boschi andando verso sud fino al 49° parallelo. Northwest Angle, però, rimase un territorio degli Stati Uniti.

Northwest Angle, che è anche chiamato semplicemente “The Angle” (“L’angolo”), ha una superficie totale di 1544.5 km2 , di cui quasi l’80 per cento è composto dalle acque del lago. Secondo un censimento del 2010 vi abitano 119 persone, quasi tutte nella comunità di Angle Inlet, mentre il resto del territorio appartiene alla riserva indiana Red Lake. Pur facendo parte degli Stati Uniti, però, raggiungere Northwest Angle dal resto del paese è tutt’altro che semplice se non si vuole attraversare il confine canadese. L’unico modo per farlo è attraversare il Lago dei Boschi in nave – ma solo a piedi, perché non ci sono traghetti che trasportano automobili – oppure in aereo. D’inverno si formano alcune strade ghiacciate che possono essere attraversate in auto, ma in autunno e in primavera lo strato di ghiaccio è troppo sottile per sostenere il peso di una macchina.

In alternativa, quindi, si può arrivare a Northwest Angle attraversando il confine canadese. Arrivando dal Minnesota si deve percorrere la Highway 313 e attraversare la dogana di Warroad-Sprague. Dopo alcuni chilometri si passa su una strada non asfaltata e infine si arriva a Angle Inlet, la comunità abitata più a nord di Northwest Angle. A differenza del confine all’ingresso col Canada, non c’è una vera e propria dogana. Chi arriva e chi va via da Northwest Angle deve fermarsi al Jim’s Corner, dove si trova un iPad su cui si deve selezionare il paese da cui si arriva, oppure mostrare il proprio passaporto alla fotocamera.

Non solo non è facile arrivare a Northwest Angle, ma non è nemmeno molto semplice viverci. Nel territorio ci sono a malapena un ufficio postale, una chiesa e un piccolo supermercato; non ci sono ristoranti, non c’è un ospedale e non c’è una scuola superiore, il che obbliga gli abitanti a dover fare 3-4 ore di viaggio per attraversare il confine, nel caso in cui abbiano bisogno di andare in una città più grande degli Stati Uniti. Gli studenti delle scuole superiori, per esempio, vengono presi da uno scuolabus e notificano ogni mattina al Jim’s Corner che hanno intenzione di attraversare il confine: per andare da Northwest Angle a Warroad, la città statunitense più vicina al confine, devono percorrere circa 200 km tra andata e ritorno.

La separazione così netta tra Northwest Angle e il resto degli Stati Uniti ha creato anche qualche tensione politica. Nel 1998, dopo che la provincia canadese dell’Ontario proibì ai pescatori statunitensi di pescare nelle acque canadesi del Lago dei Boschi e portare il pescato nel territorio statunitense, Colin Peterson, deputato statale del Minnesota, propose un emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti per chiedere ai cittadini di Northwest Angle di staccarsi dagli Stati Uniti e unirsi al Canada. Alla fine l’Ontario modificò il suo regolamento sulla pesca, andando incontro ai pescatori statunitensi, e la secessione di Northwest Angle rimase solo un’ipotesi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.