Centinaia di persone che per lavoro avevano dovuto ascoltare le conversazioni registrate da Siri per Apple sono state licenziate

Apple ha terminato i rapporti di lavoro con centinaia di persone, dipendenti di società terze, il cui compito consisteva nell’ascoltare conversazioni registrate dall’assistente vocale Siri; più di 300 solo a Cork, in Irlanda. Apple aveva chiuso il programma per l’ascolto delle registrazioni di Siri – il cui scopo era valutare l’efficienza del servizio – il 2 agosto, dopo che alla fine di luglio un articolo del Guardian aveva rivelato la sua esistenza. Secondo una fonte anonima al giornale, alcuni impiegati di Apple che lavoravano nel programma avevano ascoltato conversazioni private registrate casualmente da Siri, tra cui visite mediche, incontri sessuali e attività criminali.

Il 2 agosto il programma era stato sospeso e le persone che se ne occupavano erano state lasciate a casa: per il mese di agosto hanno ricevuto lo stipendio, ma ora Apple ha cancellato il programma e per questo sono state licenziate.

L'ingresso della sede europea di Apple a Cork, in Irlanda (Eoin O'Conaill/picture-alliance/dpa/AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.