• Mondo
  • martedì 20 agosto 2019

I tre presidenti della Bosnia ed Erzegovina non sono riusciti a trovare un accordo per la formazione di un nuovo governo

I tre presidenti della Bosnia ed Erzegovina – uno dei paesi con la struttura politica e istituzionale più complicata al mondo – non sono riusciti a raggiungere un accordo per la formazione di un nuovo governo, a più di dieci mesi dalle elezioni politiche. Come spiega Associated Press, l’accordo non è stato trovato perché uno dei tre presidenti, il serbo nazionalista Milorad Dodik, si è opposto al possibile ingresso del paese nella NATO, l’alleanza militare nata nel 1949 in seguito al Patto Atlantico e di cui al momento fanno parte 29 paesi. Dodik invece vede favorevolmente un avvicinamento del paese alla Russia.

In Bosnia ed Erzegovina ci sono tre presidenti perché il paese è diviso in tre principali gruppi etnico-linguistico-religiosi: i bosgnacchi (musulmani), i croati (cattolici) e i serbi (ortodossi). Ognuna di queste tre componenti elegge un presidente che a turno, per otto mesi, esercita il suo mandato nel corso di quattro anni. Per essere eletti presidenti bisogna necessariamente dichiararsi bosgnacchi, serbi o croati: sono esclusi dalla competizione gli ebrei e i rom, così come tutti coloro che si definiscono esclusivamente bosniaci. I presidenti nominano insieme il primo ministro, che deve ricevere la fiducia della Camera bassa.

Milorad Dodik (AP Photo/Darko Vojinovic)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.