• Mondo
  • domenica 18 agosto 2019

Gibilterra ha rifiutato la richiesta di sequestro della petroliera iraniana Grace 1 presentata dagli Stati Uniti

Domenica Gibilterra ha rifiutato la richiesta degli Stati Uniti di sequestrare la petroliera iraniana Grace 1, presentata con un mandato venerdì. La nave era stata trattenuta a Gibilterra per 43 giorni, da luglio fino al 15 agosto: il Regno Unito, di cui Gibilterra fa parte, sospettava che fosse diretta in Siria, in violazione delle sanzioni dell’Unione Europea contro il regime di Bashar al Assad. Le autorità di Gibilterra avevano poi concluso le indagini su 4 membri dell’equipaggio apparentemente senza alcuna accusa formale, ma secondo gli Stati Uniti la petroliera fa parte di un piano «per sostenere rifornimenti illeciti alla Siria da parte delle Guardie rivoluzionarie iraniane».

Gibilterra ha rifiutato la richiesta degli Stati Uniti perché non può eseguirla sulla base delle leggi dell’Unione Europea: le sanzioni che l’UE applica nei confronti dell’Iran sono lievemente diverse da quelle degli Stati Uniti.

La petroliera Grace 1 a Gibilterra, il 17 agosto 2019 (AP Photo/Marcos Moreno)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.