• Mondo
  • venerdì 16 agosto 2019

La Norvegia e la Germania hanno interrotto i finanziamenti al fondo governativo brasiliano che si occupa della conservazione dell’Amazzonia

Nell’ultima settimana la Norvegia e la Germania hanno interrotto i finanziamenti al fondo governativo brasiliano che si occupa della conservazione dell’Amazzonia, dopo che il governo del presidente Jair Bolsonaro ne aveva bloccato le operazioni accusandolo di usare i suoi soldi in modo improprio. Negli anni si stima che la Norvegia abbia contribuito complessivamente al fondo con 1,2 miliardi di dollari, diventandone di gran lunga la principale finanziatrice. Il finanziamento che non è stato corrisposto al Brasile era pari a oltre 30 milioni di dollari, mentre quello della Germania ammontava a circa 35 milioni.

La Germania ha spiegato la sua decisione dicendo di non essere sicura che il governo brasiliano stia effettivamente cercando di riforestare l’Amazzonia: nelle ultime settimane infatti è emerso che la deforestazione sta avvenendo a ritmi molto più sostenuti rispetto a un anno fa, e nell’estate è più che raddoppiata rispetto all’anno scorso. C’entrano direttamente le politiche adottate da Bolsonaro. «La Norvegia non è quella che uccide le balene al Polo Nord? Prenda quei soldi e aiuti Angela Merkel a riforestare la Germania», ha commentato Bolsonaro.

Una porzione della Foresta amazzonica in Brasile (Mario Tama/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.