• Mondo
  • lunedì 12 Agosto 2019

Tutti i voli in partenza dall’aeroporto internazionale di Hong Kong sono stati cancellati per le manifestazioni di protesta

Tutti i voli in partenza lunedì dall’aeroporto internazionale di Hong Kong, esclusi quelli per cui i passeggeri avevano già fatto il check-in, sono stati cancellati per le manifestazioni a favore della democrazia e contro il governo locale e la polizia che sabato e domenica sono proseguite per il decimo weekend consecutivo. Lunedì, migliaia di persone si sono radunate all’aeroporto, uno dei più trafficati del mondo, rendendo di fatto impossibile il normale transito dei passeggeri. I manifestanti stanno protestando, tra le altre cose, contro le reazioni della polizia durante i cortei di domenica: le forze dell’ordine hanno usato gas lacrimogeno e proiettili di gomma e una donna è stata ferita a un occhio.

Le manifestazioni erano iniziate lo scorso giugno per protestare contro una legge proposta e appoggiata dal governo locale (Hong Kong è semi-autonoma rispetto alla Cina, di cui fa parte), che se approvata avrebbe consentito di estradare nella Cina continentale le persone accusate di avere commesso alcuni crimini. La legge era stata vista come una minaccia agli standard di libertà accordati dal governo cinese a Hong Kong, e come uno strumento potenziale per rafforzare la repressione contro i dissidenti. Dopo il ritiro della legge, le proteste sono proseguite con nuove rivendicazioni, tra cui le dimissioni del governo locale, più libertà e più democrazia.

Manifestanti nella zona delle partenze dell'aeroporto internazionale di Hong Kong, il 12 agosto 2019 (Anthony Kwan/Getty Images)