• Mondo
  • Questo articolo ha più di tre anni

È iniziata una manifestazione non autorizzata all’aeroporto di Hong Kong

Centinaia di persone si sono ritrovate venerdì all’aeroporto di Hong Kong per la prima di una serie di manifestazioni non autorizzate previste da oggi fino alla fine della settimana. I manifestanti si sono presentati vestiti di nero e con cartelli per chiedere più libertà e democrazia, e per criticare la polizia e il governo locale guidato da Carrie Lam. Secondo i piani degli organizzatori della protesta, gli attivisti dovrebbero rimanere in aeroporto per tutto il weekend. Finora non ci sono stati scontri tra polizia e manifestanti – a differenza di quanto era successo in altre manifestazioni nelle ultime settimane – e non ci sono stati altri disagi.

Quello che sta per iniziare sarà il decimo weekend consecutivo di proteste a Hong Kong. Le manifestazioni erano state innescate dal sostegno del governo locale a una legge che avrebbe facilitato l’estradizione in Cina, ma sono proseguite anche dopo che la legge era stata ritirata. Oggi le proteste sono per lo più rivolte contro l’eccessiva ingerenza del governo cinese nella regione semi-autonoma e contro il governo di Carrie Lam, considerata filo-cinese, e la repressione della polizia.

I manifestanti all'aeroporto di Hong Kong (AP Photo/Vincent Thian)