• Mondo
  • lunedì 5 agosto 2019

Lo Cina ha svalutato lo yuan ai minimi dal 2008 in risposta ai dazi degli Stati Uniti

Il tasso di cambio della moneta cinese col dollaro americano ha raggiunto i 7 yuan per dollaro, il minimo dal dicembre del 2008. La banca centrale cinese ha deciso di svalutare lo yuan principalmente in risposta alla decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di imporre a partire da settembre nuovi dazi del 10 per cento su beni d’importazione cinesi del valore di 300 miliardi di dollari all’anno. La svalutazione dello yuan allontanerebbe ulteriormente la possibilità di un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina: renderebbe, infatti, più semplice importare beni dalla Cina, e potrebbe far risultare in parte inefficaci i nuovi dazi imposti da Trump.

(AP Photo)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.